Portavoce alla
Camera dei Deputati
per il Movimento 5 Stelle


Maria Pallini

Partecipa. Scegli. Cambia.

varie

Pallini(M5S), nessun aumento dell’Iva

CON IL MOVIMENTO 5 STELLE NESSUN AUMENTO IVA

Vogliamo come e più della Lega una Flat Tax progressiva, per abbassare le tasse sulle famiglie e sul ceto medio che è stato martoriato dal PD in questi anni. Ma non accetteremo che lo si faccia aumentando l’IVA. Ribadiamo: Finché ci saremo noi al Governo non consentiremo aumenti dell’IVA.

 

Il Ministro della Sanità indica un nuovo commissario al posto di De Luca: Pallini(M5S), non si può più temporeggiare

IL MINISTRO DELLA SANITÀ HA INVIATO AL MEF IL NOME DEL NUOVO COMMISSARIO ALLA SANITÀ DELLA REGIONE CAMPANIA. BYE BYE DE LUCA.

Da cittadina campana mi piace condividere il grande lavoro della nostra Giulia Grillo per la sanità della mia regione!

“Ieri sera ho invitato al ministero dell’Economia e delle Finanze il nominativo del nuovo commissario per la sanità in Campania per nominarlo nel prossimo Consiglio dei ministri di giovedì.

Il tavolo tecnico Mef-Salute la scorsa settimana ha attestato che non sussistono le condizioni per uscire dal commissariamento e ora va applicata la legge che prevede l’incompatibilità per i Presidenti di Regione di ricoprire anche l’incarico di commissario per la sanità.

Movimento 5 stelle e Lega in Parlamento hanno votato insieme questa nuova norma. Il governo del cambiamento ora deve farla rispettare.

Non si può più temporeggiare. I cittadini campani aspettano risposte. Spero che nessuno si opponga. Sarebbe un comportamento irragionevole che i cittadini non capirebbero. Facciamo ripartire la sanità campana”

NOVOLEGNO: Pallini(M5S), proposti gli ammortizzatori sociali per tutti i lavoratori

Un incontro, quello che si è tenuto questa mattina presso il Ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza Novolegno, che ha comunque prodotto un risultato utile.

Ho partecipato al vertice insieme al vice Capo di Gabinetto del Ministro Sorial Girgis Giorgio, al sindaco del Comune di Montefredane Tropeano, ai sindacati di categoria, ad una rappresentanza della Regione Campania e ad esponenti della proprietà aziendale.

Considerata l’indisponibilità più volte ribadita del gruppo Fantoni alla prosecuzione dell’attività produttiva, raggiungere un’intesa di massima sull’utilizzo degli ammortizzatori sociali per i prossimi 12 mesi a favore dei 117 lavoratori è una buona notizia soprattutto perché consente di avere un anno di tempo per lavorare all’individuazione di una valida e concreta alternativa per lo stabilimento e le maestranze.

La proposta ha incrociato il parere favorevole di tutti i soggetti presenti al tavolo. Ora la vertenza si sposta presso il Dicastero del Lavoro dove le parti coinvolte si incontreranno di nuovo agli inizi di maggio per definire i termini degli ammortizzatori sociali.

Il Governo e il ministro Di Maio, con la sua struttura tecnica, continueranno a seguire la vicenda da vicino al fine di trovare una soluzione che tuteli i lavoratori.

Incontro ad Atripalda su Reddito di Cittadinanza e Quota 100

📍 Il tour #SeLoDiciamoLoFacciamo fa tappa ad Atripalda (AV)!

Ci vediamo domani, sabato 30 marzo, alle ore 17.30 presso la sala consiliare del Comune in piazza Municipio.

Con me ci saranno Carmine De Angelis, sindaco di Chiusano San Domenico, e Ugo Grassi, portavoce al Senato per il M5S.

Vi aspetto numerosi! 🌟🌟🌟🌟🌟

Diffondi l’evento< https://goo.gl/LYst3v
—–> DIFFONDI LA NOTIZIA <—–

A Bagnoli Irpino per un incontro sulle politiche del Governo per il territorio

Ora a Bagnoli Irpino (Av) per continuare il tour #SeLoDiciamoLoFacciamo.

Ancora tanta buona informazione sul reddito di cittadinanza e quota 100 in attesa che il decreto venga approvato in via definitiva al Senato, dove approderà la prossima settimana.

Ancora molta attenzione da parte dei cittadini che hanno compreso lo spirito del provvedimento finalizzato alla tutela delle fasce sociali deboli, al rilancio del lavoro e dell’economia.

Avanti così! 🌟🌟🌟🌟🌟

 

Ex Isochimica: Pallini(M5S), il mio impegno continua

“Sono in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati alle prese con gli emendamenti presentati al decreto sul reddito di cittadinanza al fine di consentire che entro lunedì approdi in aula per l’iter di approvazione finale e mi arrivano echi lontani di dichiarazioni virgolettate di un collega irpino contenenti inesattezze che necessitano di chiarimenti al fine di sgomberare il campo da equivoci e confusione”, così la parlamentare del Movimento 5 Stelle Maria Pallini a proposito di un articolo pubblicato questa mattina dal vostro giornale riguardante la vicenda del prepensionamento dei lavoratori dell’ex Isochimica di Avellino.

 

“Il mio impegno su questa delicatissima questione è noto a tutti – continua la deputata pentastellata – anzi, dirò di più. Appena eletta, ho scelto di far parte della Commissione Lavoro proprio perché, da avellinese, volevo fortemente che la questione, che rappresenta una ferita al cuore per tutti i miei concittadini, venisse definitivamente risolta ripristinando giustizia per quegli uomini che si sono ammalati compiendo quotidianamente il proprio dovere. Da subito ho prodotto atti e fatti incontrovertibili, interfacciandomi con i diretti interessati e attivando i soggetti istituzionali competenti in materia, in primis la struttura tecnico-legislativa del Ministero del Lavoro retto dal nostro Luigi Di Maio, l’Inps e la Commissione di cui faccio parte”

“Sono sempre stata aperta e disponibile ad accogliere il contributo e le proposte di tutti tant’è che con i lavoratori – e non solo con loro – mi sono sempre confrontata a viso aperto in incontri pubblici a cui avrebbe potuto e dovuto partecipare chiunque si dichiara interessato a risolvere concretamente il caso. Ho presentato una risoluzione in Commissione, proposto audizioni e sollecitato un incontro tra una delegazione degli ex operai e la struttura tecnico-legislativa del Ministero del Lavoro per un confronto sincero sul da farsi, all’indomani dell’accoglimento nella legge di bilancio – e non nel decreto semplificazioni, come erroneamente riportato nel virgolettato dell’articolo – di un emendamento, a mia prima firma, che ha consentito comunque il prepensionamento di una parte dei lavoratori esclusi precedentemente da questa possibilità”.

“Manca l’ultimo tassello per chiudere il caso, manca l’ultimo pezzo di strada. Strada che, in maniera del tutto trasparente e giammai in solitaria, sto continuando a percorrere in piena sintonia con i lavoratori e in totale sinergia con il Ministero del Lavoro, sul cui tavolo, in quell’incontro, furono avanzate alcune ipotesi di soluzioni che contemplavano non solo il decreto sul reddito di cittadinanza ma anche, in subordine, altri atti e provvedimenti successivi. Ipotesi di soluzioni per le quali la struttura tecnico-legislativa sta continuando a lavorare in queste settimane. Io sono una portavoce, uno strumento per arrivare ad un obiettivo, e non ho mai illuso nessuno. Ho sempre parlato apertamente delle difficoltà senza fare annunci di vittoria o usare toni trionfalistici. Ho semplicemente narrato il mio impegno, rendicontando ai cittadini il mio lavoro. Questo è quanto è accaduto ed è ciò che continuerò a fare. Senza polemica. Anzi. Auspico che l’unità di intenti sia una spinta in più per raggiungere il risultato che è la sola cosa che dovrebbe stare a cuore a tutti noi irpini” – conclude Pallini.

 

 

Legge contro il voto di scambio: Pallini(M5S), un altro tassello prezioso

APPROVATA ALLA CAMERA LA LEGGE CONTRO IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO!

La Camera ha dato il via libera alla nostra nuova legge sul voto di scambio politico-mafioso. Adesso tocca al Senato per l’approvazione finale.
Gli accordi elettorali tra mafiosi e politici verranno puniti in modo molto più duro.
I cittadini meritano una politica più trasparente!

FACCIAMOLO SAPERE A TUTTI! 🌟🌟🌟🌟🌟

Estensione benefici previdenziali Inps ricongiunzione contributiva: Pallini(M5S), i chiarimenti dell’Inps

Ai tanti che mi hanno contattato per avere informazioni sull’esito dell’introduzione in Legge di Bilancio di un emendamento, a mia prima firma, concernente i benefici previdenziali riconosciuti ai lavoratori ammalati da patologie asbesto-correlate che, transitati nel pubblico impiego ovvero nella gestione del soppresso Istituto postelegrafonici, abbiano effettuato la ricongiunzione contributiva e risultino iscritti a forme previdenziali obbligatorie diverse dall’assicurazione generale obbligatoria…

A fine febbraio l’Inps ha inviato alle sedi periferiche una circolare in cui, acquisito il preventivo assenso del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, si forniscono i chiarimenti in merito alla norma in argomento.

Destinatari della norma

La disposizione in argomento estende l’ambito soggettivo di applicazione dell’articolo 1, comma 275, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, comprendendo, tra i lavoratori di cui all’articolo 1, comma 117, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, che in seguito alla cessazione del rapporto di lavoro siano transitati verso forme pensionistiche obbligatorie dei lavoratori dipendenti, gestite, prima del 1° gennaio 2012, da enti diversi dall’INPS – siano esse esclusive, esonerative o sostitutive dell’assicurazione generale obbligatoria – anche i lavoratori che alla data di presentazione della domanda di pensione, per effetto della ricongiunzione contributiva effettuata ai sensi dell’articolo 2 della legge 7 febbraio 1979, n. 29, non possano far valere contribuzione nell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti.

Pertanto, ad integrazione di quanto precisato al paragrafo 2, lettera b), della citata circolare n. 154/2016, si chiarisce che la disposizione in esame trova applicazione anche nei confronti dei lavoratori, di cui al presente paragrafo, che, per effetto della ricongiunzione contributiva effettuata ai sensi dell’articolo 2 della legge 7 febbraio 1979, n. 29, in base alle disposizioni vigenti nella gestione previdenziale accentrante, possano far valere il requisito contributivo e assicurativo di trenta anni, utile ai fini del diritto alla pensione di anzianità, in una sola delle forme esclusive, esonerative o sostitutive dell’assicurazione generale obbligatoria.

Decorrenza

I trattamenti pensionistici liquidati in applicazione della norma in esame non possono avere decorrenza anteriore al 2 gennaio 2019, se a carico delle gestioni previdenziali che prevedono decorrenze infra mese, ovvero al 1° febbraio 2019, se a carico delle gestioni previdenziali che non prevedono decorrenze infra mese.

Chiusura Novolegno: Pallini(M5S), il mio intervento nella trasmissione Raid

La chiusura della Novolegno di Montefredane (Av) rappresenta per l’Irpinia l’ennesima vertenza del comparto produttivo con ben 117 persone che rischiano di perdere il posto di lavoro.

Ne parlerò alle ore 21.45 circa in collegamento telefonico con il giornalista Vincenzo Michele Di Micco nel corso della trasmissione “Raid” in onda questa sera su Telenostra Avellino a partire dalle 21.30 (canale 189 del digitale terrestre).

Potete seguire la diretta streaming sulla pagina dell‘emittente televisiva: https://www.facebook.com/telenostra.avellino/
Spero di portare la vostra voce! 

Benefici prepensionamento: Pallini(M5S), il mio impegno non si ferma

Quella a favore dei lavoratori esposti all’amianto è una battaglia che il MoVimento 5 Stelle porta avanti da anni: queste persone per tanto tempo sono andate a fare il loro dovere ogni giorno senza conoscere i rischi per la loro salute.

Ogni anno muoiono più di 6mila persone per patologie legate all’esposizione all’amianto e ci sono decine di migliaia di nuovi malati. Non possiamo perdere altro tempo prezioso.

Per questo abbiamo pensato di estendere i benefici che l’attuale legge prevede in materia di prepensionamento, presentando un emendamento – a mia prima firma – alla legge di Bilancio secondo cui non sarà necessario fare una causa per dimostrare la correlazione tra la propria malattia e l’esposizione all’amianto.

Sono convinta che questo emendamento potrà trovare un ampio consenso nelle forze parlamentari perché la politica ha il dovere di sostenere queste persone.

Emendamento lavoratori amianto Stabilità

Quella a favore dei lavoratori esposti all’amianto è una battaglia che il MoVimento 5 Stelle porta avanti da anni: queste persone per tanto tempo sono andate a fare il loro dovere ogni giorno senza conoscere i rischi per la loro salute.Ogni anno muoiono più di 6mila persone per patologie legate all’esposizione all’amianto e ci sono decine di migliaia di nuovi malati. Non possiamo perdere altro tempo prezioso. Per questo abbiamo pensato di estendere i benefici che l'attuale legge prevede in materia di prepensionamento, presentando un emendamento – a mia prima firma – alla legge di Bilancio secondo cui non sarà necessario fare una causa per dimostrare la correlazione tra la propria malattia e l’esposizione all’amianto. Sono convinta che questo emendamento potrà trovare un ampio consenso nelle forze parlamentari perché la politica ha il dovere di sostenere queste persone.

Publiée par Maria Pallini sur Mercredi 21 novembre 2018